Comunita Educativa Boukra

La Mission della Comunità Educativa San Benedetto è primariamente l’accoglienza di ogni minore in un contesto animato dallo ‘spirito di famiglia’

La Mission della Comunità Educativa San Benedetto è primariamente l’accoglienza di ogni minore in un contesto animato dallo ‘spirito di famiglia’, che Giovanni Calabria, fondatore dell’Istituto riteneva dovesse caratterizzare le attività di accoglienza dei minori in situazioni di disagio. Se nel passato la comunità, che ha visto un percorso di trasformazione strutturarle da Istituto a Comunità educativa, riteneva di configurarsi come una struttura quasi autosufficiente, oggi lavora come risorsa all'interno di una rete complementare di servizi, capace proprio per la sua interazione, di offrire ai minori risposte strutturate, finalizzate al raggiungimento di un benessere globale, all'autonomia, con l’obiettivo prioritario di ridurre i tempi di permanenza in comunità.Il servizio di accoglienza della Comunità “San Benedetto” nasce con l’intento di far fronte a eventuali situazioni di disagio tipiche dell’età evolutiva e a possibili difficoltà del nucleo familiare di appartenenza, impossibilitato o incapace di assolvere i propri compiti educativi.


Nella comunità sono accolti anche giovani imputati di reato in misura cautelare (Collocamento in comunità – art. 22 D.P.R. 448/88) o per la realizzazione di progetti educativi di Messa Alla Prova alternativi al carcere (art. 28 D.P.R. 448/88).


Gli interventi sono orientati al reinserimento sociale del giovane nel nucleo familiare e sociale d’origine, o all’inserimento in altri contesti educativi (affidamento, adozione) o all’accompagnamento verso l’autonomia dell’età adulta.

Per gli ospiti della comunità vengono programmate attività individuali e di gruppo, adeguate ai bisogni educativi e formativi del singolo, in base agli obiettivi concordati col Servizio inviante, e collettive, condivise sia col Gruppo-Comunità sia con gruppi esterni alla struttura. La Comunità garantisce il rapporto numerico degli operatori con funzione di educatore-animatore qualificato, superandone gli standard minimi proposti dalle linee guida.


La funzione di coordinamento è svolta da un educatore in possesso del diploma di laurea in Scienze dell’Educazione con compiti di indirizzo e sostegno tecnico al lavoro degli operatori, di monitoraggio e documentazione delle esperienze, di raccordo tra i servizi educativi, sociali e sanitari e di adempimento degli obblighi previsti dalla Legge 4 maggio 1983 n.184 (così come modificata dalla legge 28 marzo 2001 n.149).


All’interno della Comunità è presente la figura del supervisore, adeguatamente qualificata, che garantisce il sostegno formativo ed organizzativo degli educatori, la promozione e valutazione della qualità dei Servizi, una cultura di ricerca e sviluppo del Servizio.


All’interno del Servizio sono presenti operatori volontari e volontari del Servizio Civile Nazionale/Internazionale attivi nella struttura in forma continuativa.

Pubblicato il: 11 June 2020

Servizi Educativi

Lascia il tuo primo commento!

Inserisci il tuo commento